Mi sono trasferita da più di un anno, ma ci sono alcune parti di casa mia che hanno ancora bisogno di essere personalizzate: una di queste è la parete sopra il divano, in salotto – ogni volta che la guardo mi sembra che dica “non lasciarmi così, senza un perché, tutta bianca e spoglia”… Sono stata a lungo indecisa sul da farsi, ma adesso è arrivato il momento di superare il “blocco dell’arredatore” e realizzare un bel gallery wall: in altre parole, trasformare il muro in una sorta di galleria personale in

Col nero non sbagli: sicuramente vero per l’abbigliamento, non sempre quando si parla di arredamento! Anche se è un colore che amo molto, in casa l’ho sempre usato a piccole dosi – perché sì, è elegante e sofisticato, ma può risultare pesante e rendere cupi gli ambienti, specie se gli spazi sono piccoli e non molto luminosi. Quando la mia amica Cecilia di The Black Kitchen (blog per buone forchette, fateci un salto!) ha scelto il nero come punto di forza per il restyling della sua super-attrezzata, ma non grandissima cucina, mi sono dovuta ricredere: tutti i mobili, e

L’home tour di oggi dimostra che arredare un piccolo appartamento può dare grandi soddisfazioni: sono sempre in cerca di idee su come sfruttare al massimo gli spazi ridotti (avete già visto il monolocale in stile nordico che avevo scovato qualche tempo fa?), e questo trilocale svedese mi ha particolarmente colpita per la sua atmosfera accogliente e per la capacità di mixare arredi classici con dettagli di gusto contemporaneo. Partiamo dall’ingresso: molto piccino, ma curato nei minimi dettagli – dalla cassettina per appendere le chiavi in legno laccato nero, in tinta con la panchetta per poggiare le borse sotto la mensola appendiabiti,

Puntuali come ogni anno, arrivano le anticipazioni estive sul nuovo catalogo IKEA – una manna per chi, come me, ama il design nordico ed ha sempre un occhio al budget! Sono sempre sintonizzata sulle novità in arrivo dal colosso svedese, e le news che ho letto in questi ultimi giorni mi hanno incuriosita in modo particolare. Oltre alle immancabili soluzioni per piccoli spazi, agli arredi flessibili e modulari, alle idee per gli home office e quelle per il green living, pare che il catalogo IKEA 2017 racconterà le storie di 13 case in giro per

Qualche giorno fa, curiosando sul magazine di Dalani, mi sono imbattuta in un articolo sugli interior trend per l’estate 2016. Oltre alla tendenza Jungle (di cui avevo già scritto qui) ho adocchiato l’intramontabile Coastal, anche noto come stile marinaro o navy.  Proprio perché non passa mai di moda, lo stile Coastal può essere personalizzato per qualsiasi ambiente: che siate in cerca di idee su come arredare la vostra casa al mare o che vogliate portare un po’ di brezza marina in città per la stagione estiva, arredare in stile Coastal è semplice e assolutamente possibile anche con un budget

Ereditare dei bei mobili d’antiquariato è quasi sempre una fortuna: qualsiasi sia il loro valore di mercato, si tratta solitamente di pezzi di buona fattura, realizzati con tecniche artigianali e materiali robusti e capaci di portare in casa il fascino romantico e un po’ malinconico di tempi lontani. Hanno anche un altro pregio: più sono vissuti (il che vuol dire anche rovinati e stinti), più sono interessanti: per questo vado sempre a curiosare nei mercatini dell’usato – si possono fare dei veri affari! Il rovescio della medaglia è che, spesso, abbinare mobili d’epoca e arredi moderni non è affatto facile.