Room therapy: un bagno, due mood

Un bagno, due stili: cambiare look al bagno senza ristrutturare | Una Casa Così

Questo post sarà di grande ispirazione per chi cerca idee per rinnovare il bagno senza ristrutturare: un desiderio che, prima o poi, abbiamo tutti. Perché cambiare è bello (e ristrutturare un po’ meno), e anche perché spesso – diciamocelo – il bagno è la parte della casa che trascuriamo di più.
Le ragioni (leggi: le scuse) sono le più svariate: abbiamo esaurito il budget, non c’è abbastanza spazio, o abbastanza luce, o la voglia di affrontare spese consistenti per il restyling di un ambiente che, alla fine, è “di servizio”.

Su Bolig Magasinet ho trovato delle immagini che dimostrano che cambiare lo stile del bagno può cambiare anche l’umore di chi lo usa, e che vi faranno venire voglia (se non l’avete già) di dare al vostro una bella svecchiata. La buona notizia è che non servono interventi strutturali o cambiamenti radicali, ma solo un po’ di fantasia e qualche tocco décor.

Ecco come trasformare un bagno sostanzialmente anonimo (sanitari bianchi minimali, pareti spoglie, pavimento in grés con toni neutri) nella vostra stanza preferita.

Mood 1: buonumore a colori

Un bagno, due stili: buonumore a colori | Una Casa Così

Se la mattina avete bisogno di una sferzata di energia, in bagno puntate sul colore: scegliete una parete e rendetela protagonista dipingendola di una tinta vivace, aggiungete piccoli oggetti e accessori in pendant e create un contrasto con colori complementari, ma a piccole dosi. Mixate due o tre colori al massimo (qui abbiamo il rosso, il giallo e il blu in diverse gradazioni), giocando con pattern e materiali diversi. In questo modo creerete un insieme cromaticamente armonioso.

Lo specchio d’epoca, le scatole decorate e le ceramiche vintage ammorbidiscono le geometrie rigorose del mobile per lavabo, dei sanitari e dello scaffale. L’atmosfera è accogliente e briosa.

Un bagno, due stili: buonumore a colori | Una Casa Così

Un bagno, due stili: buonumore a colori | Una Casa Così

Mood 2: relax grafico

Un bagno, due stili: relax grafico | Una Casa Così

Cambiate colori e accessori, e il bagno cambierà aspetto: in questa versione diventa un vero e proprio angolo relax in cui staccare la spina e dedicarsi a piccoli rituali antistress. Per trasmettere una calma zen, i colori sono quelli di yin e yang: tanto bianco con tocchi decisi di nero su asciugamani, tappeto, accessori e sulla cornice dello specchio. Il minimalismo geometrico è intervallato da accenti naturali (il sapone vegetale con manico in corda, la spazzola di legno, il verde di una pianta).
La parola d’ordine è essenzialità: uniche concessioni al colore sono la struttura esile dello scaffale giallo e le setole di uno spazzolino. Semplice, ma super chic.

Un bagno, due stili: relax grafico | Una Casa Così

Un bagno, due stili: relax grafico | Una Casa Così

Se il bagno di casa vostra non vi consente di partire da una base così neutra, non disperate: ad esempio, potreste dipingere le piastrelle che non vi piacciono più o addirittura i vecchi sanitari con vernici o resine apposite, come quelle di Sottosopra: sono più dispendiose di una pittura murale, ma sicuramente molto meno di una di ristrutturazione (in questo post trovate un bel prima-e-dopo con i consigli di chi le ha provate). Avrete così una tela bianca su cui disegnare un bagno che vi somigli di più.

E voi, avete trovato altre soluzioni per rinnovare il bagno senza spendere troppo?
Come al solito, vi invito a condividerle nei commenti o sulla pagina Facebook del blog.

A presto!

Photo credits: © Thomas Dahl

CC BY-NC-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *