Case da film: l’appartamento di Dev in Master of None

Ispirazione Netflix: copia lo stile dell'appartamento di Dev in Master of None | | Una Casa Così

Da perfetto “animale da appartamento”, sono una divoratrice di film e serie tv, e mi capita spesso di innamorarmi delle case dei protagonisti di una storia. Proprio per questo ho pensato ad una rubrica ad hoc, dedicata a quelle che io chiamo case da film. La inauguro oggi presentandovi l’appartamento di Dev, protagonista della pluripremiata Master of None – le prime due stagioni sono su Netflix, se non le avete già viste ve le consiglio caldamente!

Non voglio dilungarmi più di tanto su chi è Dev e sulla serie, preferisco lasciarvi il piacere della scoperta. Spenderò più di qualche parola, invece, sul suo piccolo, accogliente open space, arredato ad arte dalla talentuosa Production Designer Amy Williams.

All’inizio era una moodboard

Come da copione, Amy è partita da una moodboard che sintetizzasse il carattere del personaggio di Dev. La sua casa parla di lui: un giovane di origini indiane ma nato e cresciuto a New York, con una cultura eclettica, ambizioni creative (nella serie fa l’attore) e un carattere nostalgico e sentimentale. Il titolo della serie deriva dal detto “Jill of all trades, master of none” – letteralmente, “Esperto di tutto e maestro in niente”: la sensazione che hanno spesso i miei coetanei, arrivati al traguardo dei trent’anni con tante ambizioni ma senza davvero sapere cosa vogliono fare da grandi.

Giovane, single, creativo, eclettico, sentimentale, giocoso... trucchi di styling per chi ha amato l'appartamento di Dev in Master of None | Una Casa Così

I mattoni a vista danno un tocco ruvido e maschile, il camino e la cucina tradizionale comunicano calore, le grandi finestre e le vetrate che separano la zona notte danno un senso di apertura.

Giovane, single, creativo, eclettico, sentimentale, giocoso... trucchi di styling per chi ha amato l'appartamento di Dev in Master of None | Una Casa Così

Tutto gira intorno ai dettagli

In un’intervista su Primer, Amy Williams suggerisce di costruire gli ambienti attorno a uno o più oggetti affettivi o simbolici, che possano rappresentare la nostra personalità. A casa di Dev ci sono diversi oggetti che fungono da cardine e caratterizzano lo spazio: alcuni sono opere d’arte…

Giovane, single, creativo, eclettico, sentimentale, giocoso... trucchi di styling per chi ha amato l'appartamento di Dev in Master of None | Una Casa Così

… altri pezzi di arredamento iconici o d’impatto, come la poltrona in stile mid-century modern degli Eames, il divano vissuto o la piantana vintage.

Giovane, single, creativo, eclettico, sentimentale, giocoso... trucchi di styling per chi ha amato l'appartamento di Dev in Master of None | Una Casa Così

 

Giovane, single, creativo, eclettico, sentimentale, giocoso... trucchi di styling per chi ha amato l'appartamento di Dev in Master of None | Una Casa Così

 

Giovane, single, creativo, eclettico, sentimentale, giocoso... trucchi di styling per chi ha amato l'appartamento di Dev in Master of None | Una Casa Così

 

Giovane, single, creativo, eclettico, sentimentale, giocoso... trucchi di styling per chi ha amato l'appartamento di Dev in Master of None | Una Casa Così

Quello che mi piace di questa casa è che gli oggetti sono già l’incipit di una storia: l’avventura di un ragazzo che diventa uomo e va a vivere da solo, che costruisce il suo nido scovando pezzi particolari e ironici nei mercatini dell’usato. Un esempio su tutti è la sveglia sul comodino di Dev, procurata e voluta da Aziz Ansari in persona per l’episodio “Mornings”. Sarà anche un Master of none, ma secondo me per l’home décor ha un vero talento 😉

Giovane, single, creativo, eclettico, sentimentale, giocoso... trucchi di styling per chi ha amato l'appartamento di Dev in Master of None | Una Casa Così

Master of none: una casa e una vita da trentenne single

Dev è uno che la casa la vive; una buona parte delle sue vicissitudini si svolge tra queste mura, che “sanno” di lui e di quello che gli capita. Nella sua cucina non solo si sperimentano e assaggiano ricette (Dev è un bravo cuoco), ma si consumano storie d’amore e momenti di emozione (come quelli con la bella Alessandra Mastronardi).

Giovane, single, creativo, eclettico, sentimentale, giocoso... trucchi di styling per chi ha amato l'appartamento di Dev in Master of None | Una Casa Così

La camera da letto e il bagno non servono solo a dormire e a farsi belli per uscire: raccolgono confessioni e ospitano momenti intimi e divertenti.

Giovane, single, creativo, eclettico, sentimentale, giocoso... trucchi di styling per chi ha amato l'appartamento di Dev in Master of None | Una Casa Così

Giovane, single, creativo, eclettico, sentimentale, giocoso... trucchi di styling per chi ha amato l'appartamento di Dev in Master of None | Una Casa Così

Giovane, single, creativo, eclettico, sentimentale, giocoso... trucchi di styling per chi ha amato l'appartamento di Dev in Master of None | Una Casa Così

Giovane, single, creativo, eclettico, sentimentale, giocoso... trucchi di styling per chi ha amato l'appartamento di Dev in Master of None | Una Casa Così

Allora? Non siete già curiosi di conoscere Dev e seguirlo nelle sue peripezie?

La designer raccomanda:  non solo IKEA!

Prima di lasciarvi alla visione della serie, riporto l’ultimo consiglio firmato Amy Williams: se siete alla ricerca di soluzioni low-cost per la vostra casa, non fermatevi solo all’IKEA! Cercando su Etsy, nei mercatini delle pulci, tra gli annunci dell’usato e anche nella vecchia cantina della nonna potete trovare tesori inaspettati, a zero o a basso budget. Se avete qualche soldino in più, investitelo nell’illuminazione o in un pezzo di design originale; e soprattutto, mettete in mostra le vostre passioni e trasformatele in pezzi décor, come fa Dev con i suoi libri, il vecchio stereo ed i vinili da collezione.

La vostra casa sarà unica ed inimitabile 😉

CC BY-NC-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *